Tumore della prostata: l’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine sempre più a misura di paziente con un percorso certificato

19 dicembre 2019

In Friuli-Venezia Giulia ogni anno si contano circa 800 nuovi casi di cancro della prostata e si stima che oltre 9.500 friulani convivano con questa neoplasia. L’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine mette a segno un obiettivo prestigioso nel trattamento di questo tipo di tumore: il Percorso Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il tumore della prostata ha ottenuto la certificazione UNI EN ISO 9001:2015 dall’Ente internazionale Bureau Veritas, nell’ambito di un progetto che è stato reso possibile grazie al sostegno incondizionato di Astellas e al supporto organizzativo di OPT, il provider deputato a preparare i Centri alla certificazione.Il percorso certificato garantisce al paziente di essere seguito da un team multidisciplinare in tutte le fasi del percorso di cura, dalla diagnosi al trattamento e al followup, secondo un approccio integrato e multiprofessionale.

«Confrontarsi con la certificazione di un ente terzo per un Percorso Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale – dichiara Riccardo Riccardi, vicepresidente con delega alla salute della Regione Friuli-Venezia Giulia, intervenuto oggi alla conferenza stampa – è una sfida che si è dimostrata vincente e che ben rappresenta il modo nel quale la Regione intende realizzare il proprio modello di cultura della salute. La riforma appena varata assegna agli ospedali hub, infatti, il compito di rappresentare la punta di diamante della risposta all’acuzie del nostro sistema salute. Ovvero di impersonare un’eccellenza riconosciuta e riconoscibile a livello locale e internazionale, che sia elemento di attrazione ma anche forza di traino verso il miglioramento per tutta la sanità regionale».

pdf Comunicato pdta prostata 630.2 KB