Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine

Ultimato all’Ospedale di Udine  il trasferimento della struttura di Riabilitazione Intensiva Precoce.

18 gennaio

Si è recentemente concluso al “Santa Maria della Misericordia” di Udine il trasferimento della RIP (Riabilitazione Intensiva Precoce) dal primo piano del padiglione 3 al terzo piano lato est del padiglione 5 denominato “Chirurgie” e situato al centro dell’area ospedaliera.

La Riabilitazione Intensiva Precoce è una struttura che afferisce al Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitazione (Gervasutta) e comprende una sezione di degenza ed una sezione ambulatoriale. L’attività è finalizzata alla riabilitazione ed al recupero funzionale precoce di pazienti con patologie complesse per la maggior parte raggruppabili nelle seguenti categorie: politraumi, patologie cerebro-vascolari di varia natura in fase post-acuta compresa la riabilitazione post-neurochirurgica. 

I lavori, per un costo complessivo di circa 383 mila euro iva esclusa, sono iniziati nel dicembre 2016 e sono terminati lo scorso mese di novembre.

Sono state realizzate otto camere di degenza a tre letti e tre con letto singolo per un totale di 27 posti letto. Tutte le stanze sono dotate di servizio igienico interno e 9 letti sono attrezzati per il monitoraggio dei parametri vitali. La precedente collocazione era in stanze prevalentemente a 4 letti, senza bagno dedicato. Tra i locali accessori vi è  un’ampia area di soggiorno, una palestra attrezzata, locali di lavoro per medici ed infermieri, l’ambulatorio di reparto e studi per i medici ed il coordinatore infermieristico.

Oltre al notevole miglioramento operativo dal punto di vista clinico-assistenziale, l’intervento ha comportato vari adeguamenti impiantistici (acqua sanitaria, antincendio, gas medicali, rete elettrica e termica. La nuova sede della Riabilitazione Intensiva Precoce, grazie ai miglioramenti e adeguamenti apportati,consentirà il completamento delle procedure di accreditamento istituzionale secondo le più recenti normative in materia.

“La nuova situazione ambientale nei locali completamente ristrutturati, offre un livello di comfort nettamente superiore – afferma il dott. Leo Giulio Iona, Direttore SOC Medicina Fisica Riabilitazione e Riabilitazione Intensiva Precoce - le stanze sono luminose, prevalentemente a tre letti con servizi igienici dedicati. L' intero reparto è climatizzato, per un soddisfacente benessere termico in tutte le stagioni. La dislocazione delle camere e la distribuzione delle stanze di servizio garantiscono una maggiore prossimità del personale alle esigenze dei pazienti. Infine la collocazione più centrale nel comprensorio Santa Maria della Misericordia,in particolare al nuovo ospedale, rende più agevole l'interazione con la maggior parte degli altri reparti con cui questa struttura collabora, sia per fornire che per ricevere prestazioni professionali. Sono convinto – conclude il dott. Iona -  che la nuova sede sarà occasione di ulteriore intensificazione dei già ottimi rapporti tra i professionisti della riabilitazione e le aree dell’acuzie, nonché per una migliore esperienza del paziente, che possa anche essere fattore positivo per una più attiva e proficua partecipazione all' attività riabilitativa, al fine di favorire un più rapido e soddisfacente recupero della autonomia per una migliore qualità della vita”.

doc Comunicato stampa rip 99.5 kB