Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine

Bilancio del primo anno di attività del Centro di Simulazione e Alta Formazione di Udine

25 maggio

Il Centro di Simulazione e Alta Formazione (CSAF) – diretto dal Prof. Vittorio Bresadola – è stato inaugurato nel febbraio 2016, ed è gestito in sinergia dall’Università e dall’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine.

La struttura ha sede al sesto piano del padiglione 5 dell’Ospedale di Udine, in un spazio di oltre 700 metri quadrati.

Destinato prioritariamente agli studenti dei corsi di Medicina e Chirurgia e delle lauree sanitarie (in particolare Infermieristica, Tecniche di radiologia medica e Ostetricia), ai medici delle scuole di specializzazione e ai professionisti dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata  di Udine, si offre all’intera comunità dei professionisti come strumento per promuovere la formazione continua con corsi specifici mirati al mantenimento e miglioramento delle competenze. 

Si tratta del primo ospedale virtuale del Friuli Venezia Giulia e consente, grazie alla simulazione, di provare e verificare tecniche diagnostiche, terapeutiche e assistenziali, potenziandone l’efficacia e riducendo al minimo i rischi per pazienti e professionisti.

Il Centro è dotato di una sala operatoria, di un’area per le cure intensive con due letti, di una stanza degenza con un letto, di un ambiente per l’attività radiologica e di uno riservato alle attività chirurgiche. Tutti gli spazi sono arredati esattamente come quelli analoghi presenti negli ambienti ospedalieri. Per la formazione mediante simulazione il Centro udinese è all’avanguardia perché dispone, tra l’altro, di un “simulatore avanzato adulto” che permette di replicare, con altissima fedeltà, situazioni patologiche e di criticità in ambito respiratorio, circolatorio e neurologico.

La struttura si avvale di due sale-regia per gestire le simulazioni avanzate, anche con registrazioni video, e aule riunione per la discussione e revisione dei casi o delle procedure simulate.

“Dal 1 febbraio al 31 dicembre 2016 – spiega il prof. Vittorio Bresadola -  il Centro è stato sede di 139 eventi formativi (simulazioni, laboratori, corsi.) articolati su 120 giornate e si è fatto promotore di due campus in ambito medico e sanitario riferiti agli studenti delle scuole superiori nell’ambito del progetto Alternanza Scuola e Lavoro, iniziativa che ha ottenuto un alto gradimento tra gli studenti. La prospettiva è quella di avviare al più presto rapporti con gli altri centri di formazione avanzata presenti sul territorio nazionale e internazionale”.

Da segnalare anche diverse iniziative di carattere formativo per soggetti no profit oltre alla produzione di alcuni video quali ad esempio una simulazione di una maxi emergenza sismica in collaborazione con 118, Elisoccorso e Croce Rossa.

“Sono state 2079 le persone che, con accesso documentato, hanno frequentato il Centro nel corso del 2016. I principali obiettivi per il 2017 – conclude Bresadola – vanno dalla sperimentazione di nuove modalità formative alla progettazione di interventi chirurgici virtuali. Anche il sito internet dedicato sarà ulteriormente implementato per permettere il continuo aggiornamento del materiale didattico, la consultazione di un agenda attiva utile per la pianificazione dell’attività e la partecipazione alla stesura del dizionario sulla simulazione in sanità”.

 

doc Comunicato stampa attivita centro simulazione 101.5 kB
jpg simulazione sala Terapia semintensiva.jpg 1.4 MB
jpg simulazione sala operatoria.jpg 3.0 MB